Il numero 23 nella smorfia

Nella smorfia napoletana il numero 23 rappresenta “ O Scemo” e cioè quello che fa lo stupido o forse lo è davvero. In ogni caso nell’interpretazione dei sogni questa figura assume dei significati inediti e particolari che vanno analizzati attentamente. Innanzitutto lo scemo viene considerato tale perchè ha il coraggio e la forza di rivelare qualcosa di assurdo ma anche di pericoloso. Da questo punto di vista lo scemo ha molte caratteristiche in comune con la figura del pazzo anche se non è esattamente la stessa cosa. Infatti nei sogni lo scemo simboleggia la folle carica vitale presente in oguno di noi. Esso ha una valenza positiva ed è strettamente connesso con il desiderio di accettare nuovi progetti capaci di appagare una vulcaniva voglia di evadere e di emergere. Lo scemo viene dunque considerata una persona squilibrata perchè lascia all’istinto e al cuore la possibilità di scegliere al posto della ragione. La sua irrazionalità viene vista dall’esterno come una forma di alterazione mentale mentre in realtà egli prende la vita con maggior serietà rispetto ai suoi simili. Se nel sogno compare un personaggio che ci appare al primo sguardo instabile evidentemente il nostro inconscio ci sta comunicando il nostro reale desiderio di uscire fuori dagli schemi e magari di provare a rompere per una volta le righe. Probabilmente nella nostra vita tutto procede secondo uno schema ben preciso e in questo senso la figura dello scemo ha lo scopo di aprirci al mondo e magarsi svegliarci. Nel caso in cui questo personaggio ci inquieta e nello stesso tempo ci mette soggezione vuol dire che abbiamo paura di quello che possiamo pensare su qualcosa che ci sta a cuore. Siamo di fronte ad una parte inedita del nostro carattere che non sappiamo se rigettare o integrare nella vita di tutti i giorni.